Marketing turistico: come promuovere il tuo ristorante in vista delle vacanze!

Una previsione elaborata da Ciset-Ca’Foscari parla di un incremento dei flussi turistici internazionali stimato per un +3,6% per l’Italia nel corso del 2017.
Impostare un efficace piano di marketing turistico può aiutarci a cogliere questa opportunità e porre le premesse per rendere la nostra attività un successo.

Concentreremo l’attenzione sui fattori e le pratiche alla portata di tutti e che non richiedono investimenti onerosi.

Sito web mobile friendly e geolocalizzato

Alcuni dati Google indicano che più del 50% degli utenti del web navigano con un tablet o uno smartphone. Come sottolineato anche in altri contesti, oggi più che mai è essenziale avere un sito mobile friendly.

Sempre più persone prenotano alberghi, ristoranti, voli e vacanze utilizzando questo strumento. Per scegliere sempre più spesso facciamo affidamento sulla completezza delle informazioni che riusciamo a ottenere connettendoci al sito, sulle recensioni e sulle immagini del locale e dei piatti che vengono serviti.

 

Marketing turistico e local search

Se cerchi un negozio o un ristorante attorno a te lo smartphone ti permette di metterti in connessione diretta con qualsiasi cosa tu stia cercando. Chiavi di ricerca come “dove trovare/acquistare…” o “ristorante aperto adesso…” sono in crescita esponenziale. È importante quindi farsi trovare da chi è nei pressi del nostro locale.

Il local search marketing attraverso l’utilizzo di strumenti come le mappe online ci permette di ottenere questi risultati.
Quindi come primo passo possiamo aprire o completare se già aperta la scheda in Google My Business.

Nella scheda vanno inseriti tutti i i dati dell’attività. Questo ci permetterà di comparire sulle mappe di Google con una nostra scheda contenente tutti i i dati fondamentali per contattarci.

 

La presenza sui social network

Avere un profilo attivo sui principali social è una buona pratica, anche se bisogna tenere presente che queste piattaforme non sono tutte frequentate dallo stesso target. Ad esempio se hai un locale di tendenza, Instagram potrebbe essere il social su cui puntare di più. Se invece avvii un locale molto frequentato da giovanissimi, ecco che Snapchat diventa la scelta più naturale.

Vale per i social quanto detto sopra per il sito: vanno sempre inserite in modo uniforme le informazioni basilari sia su giorni e orari di apertura, sia sui servizi offerti, sia su come raggiungere il locale.
In merito ai contenuti, naturalmente sui social prevalentemente visuali vale la pena di pubblicare le foto dei nostri piatti.

Su Facebook ad esempio possiamo chiedere ai clienti che scattano foto nel nostro locale di aggiungere il geotag, in modo da avere un link diretto al nostro profilo.

 

I social sono naturalmente il modo più diretto di offrire promozioni, sconti, offerte limitate nel tempo per sfruttare il senso di urgenza e il passaparola tra i fan della pagina.

La reputazione sul web

Sempre in materia di recensioni, occorre prestare particolare attenzione e monitorare le principali piattaforme sulle quali possiamo comparire come Tripadvisor ma anche Facebook e Google Plus.
Dobbiamo verificare se ci sono feedback negativi e in questo caso cercare di rispondere educatamente. In presenza di commenti positivi è sempre gradito un ringraziamento. Se un avventore è rimasto particolarmente soddisfatto invitiamolo a lasciare una recensione, un commento o un ricordo sui nostri profili social. Questo aumenterà la nostra reputazione online e al tempo stesso mitigherà gli effetti di una recensione negativa.
Le strategie digitali che ci permettono di promuovere un’attività sul web possono richiedere davvero pochi investimenti economici, tuttavia richiedono un costante impegno in termini di tempo, di idee e creatività. Ma è altrettanto vero che attraverso queste è possibile migliorare l’esperienza di clienti, attirarne di nuovi e rendere unica la nostra attività.

Fonti: Netstrategy, Universalweb, Espressotriplo

Seguici su Facebook

Lascia un commento