Ecco 5 cambiamenti tecnologici che impatteranno sul marketing.

La rapidità dello sviluppo tecnologico e l’emergere di nuovi trend digitali in grado di modificare l’interazione fra consumatori e aziende, in particolare la realtà aumentata e gli assistenti digitali vocali come Amazon Echo e Google Home, avranno un impatto non indifferente sul mondo del marketing nel 2017.

1. Il 20% dei brand globali abbandonerà la sua app mobile entro il 2019

 Le app mobili sviluppate a suon di investimenti pesanti dalle aziende non stanno portando il Roi sperato per molti brand. La concorrenza per accaparrarsi i clienti nell’arena delle app è altissima, e altissimi sono anche i costi per mantenere le app sugli store. Entro la fine del 2018 il prezzo per la commercializzazione e il marketing di applicazioni che non fanno parte del segmento gaming in rapporto al numero di download come minimo raddoppierà.

 Che fare? E’ necessario valutare con cura il rapporto costi-ricavi per lo sviluppo e il mantenimento di una app mobile per capire se valga la pena mantenerla in essere.
2.  Gli ad-blockers miglioreranno del 50% l’efficacia dell’advertising entro il 2019

Brand e consumatori sono stretti nella morsa fra ad blockers ed editori. Gli ad blockers al giorno d’oggi non sono davvero efficaci in termini di selettività delle pubblicità bloccate, mentre gli editori tentano di trovare sempre più espedienti per aggirare i blocchi e mostrare i loro spot. Strategie non convenzionali emergeranno nel prossimo futuro per superare la caccia l topo fra ad blockers e editori.

Alcune piattaforme media utilizzano le impostazioni sulla privacy come elemento differenziatore, mentre gli ad blockers stanno capendo che la audience che hanno coltivato è preziosa per i pubblicitari. Gli utenti saranno così in grado di esprimere le loro preferenze, gli inserzionisti miglioreranno la loro capacità di interpretare le preferenze degli utenti e di piazzare così la pubblicità in maniera più efficace.

In futuro sarà importante coinvolgere maggiormente i consumatori nelle scelte di marketing e comunicare agli utenti i dati raccolti che li riguardano e i vantaggi che ne derivano per oro dalla condivisione. Sarà utile infine segmentare la audience in base alle preferenze in materia di privacy.

3. 100 milioni di consumatori faranno shopping in realtà aumentata nel 2020

Brand e venditori stanno mettendo a punto applicazioni di realtà aumentata per migliorare l’esperienza di acquisto dei clienti. Ad esempio, con la app dell’Oreal MakeupGenius i consumatori possono provare il prodotto, testare determinati look e acquistare prodotti all’interno della medesima app. Sempre più il marketing si sta concentrando sullo sviluppo di app basati sulla realtà aumentata in primo luogo destinate allo smartphone; un brando su cinque avrà una app di questo tipo entro il 2018.  In questo senso, visori e cuffie per la realtà aumentata resteranno una nicchia.

4. Agenti virtuali nella maggior parte delle interazioni commerciali nel 2020

Le grandi web company della rete come Google, Apple, Facebook, Amazon, IBM e Microsoft stanno creando nuovi ecosistemi di business attraverso piattaforme basate sull’intelligenza artificiale e soluzioni vocali per coinvolgere il cliente nel processo di acquisto. Assistenti personali virtuali medieranno sempre più il rapporto con il cliente, e l’interazione digitale con il consumatore diventerà sempre più strategica.

5. l 20% dei 2000 Global Cio riporterà direttamente al marketing nel 2020

 Il marketing diventa sempre più strategico, per questo il budget IT dei Cmo (Chief marketing officer) globali sta crescendo e raggiungerà progressivamente quello dei Cio (Chief information officer) che sempre più spesso riporteranno al marketing.

Seguici su facebook

News by: ninjamarketing.it

Lascia un commento